Che cos'è la migrazione del database e come funziona?

Acronis
Acronis Cyber Protect Home Office
precedentemente Acronis True Image

Che cos'è la migrazione del database?

La migrazione del database si riferisce alla migrazione dei dati da un database di origine a un database di destinazione tramite gli strumenti di migrazione del database. Al termine del processo di migrazione, il set di dati del database di origine risiede interamente nel database di destinazione, spesso in forma ristrutturata.

Gli utenti che accedono al database di origine vengono passati al database di destinazione. Quando l'opzione ha esito positivo, il database di origine viene spesso disattivato.

Le aziende si rivolgono alla migrazione del database per vari motivi. Di seguito sono riportati i più comuni:

  • Con l'obiettivo di ridurre le spese IT migrando i dati da un database legacy a uno più efficiente in termini di utilizzo delle risorse.
  • Adozione di un diverso tipo di database per ridurre la latenza e potenziare i processi quotidiani di gestione dei dati.
  • Protezione dell'integrità dei dati mediante il ritiro di un sistema legacy per modernizzare il database.
  • Aggiornamento alla versione più recente del database per migliorare la sicurezza e soddisfare la conformità.
  • Unione dei dati esistenti provenienti da più database in un unico spazio di archiviazione per consentire una visualizzazione unificata dei file.
  • Esecuzione della replica dei dati per diversificare l'archiviazione di database basata su cloud.

Le migrazioni di database più semplici comportano lo spostamento dei dati tra istanze di archiviazione dello stesso tipo. Ad esempio, le aziende possono trasferire i dati da un database MySQL a un altro sistema MySQL su un server diverso. Le migrazioni dei dati più complete richiedono alle aziende di eseguire trasformazioni complesse dei dati per migrare i dati tra diversi motori di database, ad esempio spostando i dati dal database MySQL a Oracle.

Come funziona la migrazione del database?

Una migrazione di database ben progettata richiede più passaggi e, spesso, trasformazioni dei dati complesse. Le fasi tipiche di un progetto di migrazione dei dati includono il controllo dei dati, le conversioni dello schema del database, l'ottimizzazione delle prestazioni e delle funzioni, i test post-migrazione e altro ancora.

Le aziende di solito migrano i database che ospitano dati o applicazioni critici per il progetto, il che richiede tempi di inattività approfonditi e metodologie di prevenzione della perdita di dati.

La migrazione dei dati richiede tempo e sforzi significativi da parte del team per semplificare il progetto, dalla strategia iniziale ai preparativi, fino alla migrazione effettiva e ai test post-migrazione. Un processo di migrazione di successo spesso richiede ai team di riformattare i dati aggiornati per prepararli al nuovo sistema.

Le aziende possono affrontare la migrazione del database in tre modi principali.

Migrazione parziale e completa

Il processo di migrazione deve consentire un trasferimento di dati completo e coerente. Le aziende devono definire il set di dati iniziale da trasferire come database completo o parziale al nuovo database, incluse tutte le modifiche di cui è stato eseguito il commit nel database di origine in seguito.

Migrazioni di database omogenee e migrazioni di database eterogenei

La migrazione omogenea del database viene utilizzata per eseguire la migrazione dei dati tra un database di origine e uno di destinazione della stessa tecnologia di database. (ad esempio, da un database di Microsoft SQL Server a un altro database di Microsoft SQL Server)

Le migrazioni di database omogenee possono anche eseguire la migrazione dei dati tra sistemi di database self-hosted. (ad esempio, da PostgreSQL a un Cloud SQL gestito)

In questo approccio, lo schema del database di origine e quello di destinazione sono in genere identici. Se gli schemi sono diversi, i team devono trasformare i dati del database di origine durante la migrazione.

D'altra parte, la migrazione di database eterogenei si riferisce alla migrazione dei dati tra un database di origine e uno di destinazione di motori di database diversi. (ad esempio, da un database MySQL a Oracle)

La migrazione eterogenea può migrare database tra lo stesso modello di dati (ad esempio, da un database relazionale a un altro database relazionale) o tra modelli di dati diversi. (ad esempio, da database gerarchico a database relazionale)

Sebbene la distinzione principale tra migrazioni di database omogenee ed eterogenee si basi sulla tecnologia di database sottostante, le aziende possono anche classificarle in base ai modelli di database coinvolti. Ad esempio, una migrazione da MySQL a Oracle è omogenea quando entrambi i database utilizzano il modello di sistema relazionale.

La categorizzazione delle migrazioni in base al modello di dati esprime l'impegno e la complessità necessari per eseguire la migrazione dei dati in modo più accurato rispetto alla categorizzazione in base ai sistemi di database coinvolti.

Confronto tra migrazione e replica

Come illustrato, un servizio di migrazione del database sposta i dati da un database di origine a un database di destinazione. Dopo la migrazione, le aziende eliminano il database di origine e reindirizzano l'accesso client al nuovo database (di destinazione). In alcuni casi, un'organizzazione può mantenere il database di origine come misura di fallback per attenuare i problemi imprevisti con il database di destinazione. Tuttavia, dopo aver garantito la qualità dei dati e le prestazioni senza ostacoli sui database di destinazione, le aziende alla fine elimineranno il database di origine.

D'altra parte, la replica del database (anche "flusso di database") si riferisce ai dati trasferiti continuamente dal database di origine a quello di destinazione senza eliminare il database di origine. Anche se il processo di replica ha un'ora di inizio definita, in genere le aziende non imposteranno un'ora di completamento specificata. La replica può essere arrestata o trasformata in una migrazione.

Che cos'è uno schema di database?

Uno schema di database definisce l'organizzazione dei dati in un database relazionale. Sono inclusi vari vincoli logici: nomi di tabelle, tipi di dati, campi e la relazione tra tutte le entità incluse.

Uno schema di database è in genere una rappresentazione visiva utilizzata per comunicare l'architettura del database in modo che diventi la base per le operazioni di gestione dei dati dell'organizzazione. Questo approccio agli schemi di database è noto anche come "modellazione dei dati".

I modelli di dati vengono utilizzati da utenti, amministratori di database e programmatori. Ad esempio, un amministratore di database può sfruttare i modelli per gestire i processi di normalizzazione ed evitare la duplicazione dei dati.

Perché è importante eseguire la migrazione dei database?

Il trasferimento di informazioni da un ecosistema di dati a un altro può sembrare noioso. Tuttavia, la migrazione dei database offre diversi vantaggi critici alle organizzazioni di dimensioni diverse.

Esploriamoli di seguito.

1. Riduzione delle spese IT

La migrazione dei dati da un sistema di gestione di database locale a un database basato su cloud può ridurre significativamente i costi di implementazione. Poiché il cloud contiene tutti i dati, le aziende non avranno bisogno di investire in infrastruttura, hardware e manutenzione. Al contrario, è possibile sfruttare i modelli pay-as-you-go basati su abbonamento e pagare solo per le risorse utilizzate.

I database basati su cloud offrono opzioni di archiviazione e calcolo efficienti, consentendo di ottimizzare l'archiviazione dei dati e la potenza di elaborazione spesa. Inoltre, le piattaforme cloud in genere includono misure di sicurezza informatica, manutenzione e aggiornamenti, riducendo così la necessità di assumere un team IT interno e i costi associati.

2. Prestazioni migliorate

Gli strumenti di migrazione ottimizzano l'hardware e l'infrastruttura, la progettazione del database e le strategie di indicizzazione. Inoltre, segmentano e partizionano i dati tramite funzionalità avanzate di database. Tali ottimizzazioni accelerano il recupero dei dati, riducono i tempi di esecuzione delle query e migliorano le prestazioni complessive del database.

3. Consolidamento dei dati

La migrazione di più database dell'organizzazione in un unico database consolida i dati e garantisce la coerenza dei dati. Ciò semplifica le operazioni di gestione dei dati, riduce la duplicazione dei dati, migliora l'integrità dei dati e consente la profilazione, l'analisi e la reportistica avanzate dei dati in tutta l'azienda.

Inoltre, la rimozione delle ridondanze dei dati tramite migrazione si traduce in uno spazio di archiviazione più ottimizzato e in un minor rischio di errore.

4. Adozione di tecnologie all'avanguardia

La migrazione di un sistema legacy su motori di database moderni facilita l'adozione di un IT all'avanguardia.

5. Maggiore sicurezza dei dati

Gli attacchi informatici, come le iniezioni SQL o lo sniffing dei pacchetti, spesso prendono di mira i sistemi che dipendono da misure di sicurezza dei database obsolete. Gli strumenti di migrazione si concentrano sull'aggiornamento del database con le patch di sicurezza più recenti per prevenire le moderne tattiche di violazione dei dati.

6. Ripristino di emergenza e continuità aziendale

Un progetto di migrazione correttamente eseguito trasferirà i dati in un'infrastruttura sicura, ridurrà al minimo il rischio di perdita di dati e garantirà un rapido ripristino dei dati durante un incidente informatico imprevisto o un disastro naturale.

Le soluzioni di storage e backup di database basate su cloud  offrono ridondanza integrata per garantire la disponibilità dei dati in caso di guasti hardware e disastri locali. Le aziende che si affidano a backup regolari e piani  di disaster recovery come parte del loro processo di migrazione dei dati possono ripristinare i dati critici in modo efficiente. Ciò consentirà loro di riprendere rapidamente le operazioni, il che, a sua volta, riduce al minimo i tempi di inattività e garantisce un flusso costante di entrate.

Diversi tipi di migrazioni di database

Esistono tre approcci principali alle migrazioni di database: Big Bang, Trickle e Zero-Downtime.

Migrazione del database Big Bang

Un progetto di migrazione Big Bang sposta tutti i dati da un database di origine a un nuovo sistema in un'unica operazione. Questa metodologia di solito si articola in quattro fasi:

  • Disegno

Il team responsabile definisce l'ambito del progetto di migrazione, analizza vari campioni di dati e definisce una pianificazione e un budget.

  • Sviluppo e collaudo

Il team si prepara per la migrazione ed esegue tutti i test necessari.

  • Il Big Bang

Il team arresta il database esistente ed esegue la migrazione al nuovo ambiente. Grandi volumi di dati richiederanno un periodo più lungo per completare il processo.

  • Test di accettazione dell'utente (UAT)

Il team responsabile della migrazione verifica il risultato del processo per verificare che tutto funzioni correttamente.

La migrazione Big Bang può comportare diversi problemi di disponibilità. Se si verifica un errore, è probabile che il team debba ripetere l'intero processo. Tuttavia, l'approccio è semplice in quanto si verifica in un singolo evento.

La migrazione Big Bang è un'opzione efficiente quando i team possono definire l'ambito esatto fin dall'inizio.

Migrazione del database Trickle

Le migrazioni Trickle sono un approccio più flessibile alla migrazione dei dati. Il team responsabile può suddividere il trasferimento in sottomigrazioni più piccole e definire l'ambito, gli obiettivi, la pianificazione e la scadenza di ciascun sottoinsieme. Ciò consente loro di migrare gradualmente il volume di dati con un maggiore controllo sul processo.

In questo caso, i team devono verificare individualmente il successo di ogni migrazione. Ciò consente all'azienda di correggere solo le sezioni non riuscite in caso di problemi. Ciononostante, l'approccio Trickle richiede più tempo di una migrazione Big Bang. Inoltre, le risorse di calcolo necessarie per una migrazione Trickle sono più estese, in quanto i team devono eseguire due sistemi contemporaneamente.

Se i team possono suddividere logicamente il progetto di migrazione in più fasi, l'approccio Trickle è una scelta conveniente.

Migrazione del database senza tempi di inattività

Le migrazioni senza tempi di inattività replicano i dati dal database di origine al database di destinazione, consentendo al contempo ai client di accedere e operare sui dati di origine mentre la migrazione è in corso.

In alcuni casi, questo approccio si basa su una maggiore potenza di elaborazione spesa, ma si tradurrà in una migrazione più rapida a un costo minimo. Può anche garantire un minor numero di interruzioni dell'attività.

Che cosa sono gli strumenti di migrazione del database?

Gli strumenti di migrazione del database consentono alle aziende di trasferire i dati da un tipo di database a un altro o da un database a un altro tipo di repository di dati, ad esempio un centro di archiviazione dati o un data lake, senza fare affidamento sulla codifica manuale o su complessi strumenti ETL. ("ETL" è l'acronimo di strumenti che estraggono, trasformano e caricano i dati nel nuovo database)

Uno strumento di migrazione sfrutta il software di replica del database per semplificare i trasferimenti da un database all'altro con tempi di inattività minimi o nulli. Lo spostamento dei dati tramite un robusto strumento di migrazione evita l'ingombrante codifica manuale; Al contrario, configura ed esegue le migrazioni tramite uno strumento di mappatura o una finestra di progettazione grafica.

Se lo strumento è in grado di acquisire i dati modificati tramite la tecnologia basata su log, consente alle aziende di eseguire una replica continua dei dati a bassa latenza e basso impatto, il che è eccellente per migrazioni senza tempi di inattività. Beneficia anche dei test pre-switchover e delle opzioni di fallback post-switchover.

Uno strumento di migrazione del database può fornire alle organizzazioni funzionalità integrate estese per aiutare a mitigare il rischio e ridurre i costi associati a diversi progetti di migrazione.

Quali sono le sfide della migrazione del database?

La migrazione del database è una pratica comune tra le organizzazioni di tutto il mondo. Tuttavia, a causa della sua natura complessa, un sistema di migrazione affidabile richiede considerazione e un'adeguata preparazione. Di seguito sono riportate le sfide più comuni che le aziende devono affrontare durante il processo.

  • Perdita di dati

Il problema più comune che le aziende devono affrontare durante la migrazione è la perdita di dati. I team devono verificare la perdita o il danneggiamento dei dati durante la fase di pianificazione per verificare se la migrazione di tutti i dati necessari è stata eseguita correttamente.

  • Concordare una strategia migratoria

La pianificazione delle migrazioni di sistemi di database comprende diversi aspetti critici. I team devono considerare e definire il sistema di database ideale che valga la pena il processo di migrazione; In caso contrario, la migrazione potrebbe non produrre alcun miglioramento.

Inoltre, devono fare previsioni precise sull'intero processo di migrazione dei dati. In caso contrario, si rischia di dover affrontare un problema imprevisto quando si arriva a dieci o venti terabyte di profondità nel progetto di migrazione.

Un'altra sfida strategica è la definizione dell'ambito della migrazione. Le organizzazioni spesso faticano a definire un ambito di migrazione preciso, soprattutto quando si affidano a database eterogenei e isolati in diversi reparti o sedi fisiche. A meno che l'ambito non sia definito correttamente, si rischia di tralasciare dati importanti che appartengono al database di destinazione.

Inoltre, durante la fase di pianificazione, è possibile fare affidamento su un database di test per delineare le modifiche esatte dello schema. In questo caso, uno strumento di migrazione con potenti funzionalità di conversione dello schema può acquisire i dati modificati, normalizzarli ed eseguire correttamente la migrazione del database.

Infine, è consigliabile definire regole di business personalizzate per le esigenze e gli obiettivi specifici dell'azienda per quanto riguarda la migrazione.

  • Sicurezza del sistema di database

I dati sono la risorsa più critica della tua azienda; Proteggerlo è fondamentale. In questo caso, la crittografia dei dati deve essere una priorità assoluta prima che si verifichi la migrazione.

Inoltre, i team dovrebbero concentrarsi anche sulla sicurezza post-migrazione. Una volta che i dati sono stati trasferiti dal vecchio database al nuovo ambiente, il tuo team deve garantire la massima sicurezza dei dati. I team devono verificare se tutte le misure di sicurezza, come l'IDS e la crittografia dei dati inattivi, sono applicate correttamente. Inoltre, devono rilevare e correggere eventuali vulnerabilità potenzialmente sfruttabili.

  • Modifiche software richieste

Le modifiche al database durante la migrazione dello schema richiedono ai team di seguire protocolli di conversione adeguati e normalizzare i dati di conseguenza. I team devono anche apportare le modifiche necessarie al codice dell'app e assicurarsi che le stored procedure si aprano correttamente, il che può complicare ulteriormente il processo.

  • Scarso filtraggio dei dati

Quando si gestiscono dati in blocco, i team spesso inseriscono informazioni non necessarie nel nuovo database. Ciò può prolungare la migrazione, sprecare risorse e sollevare problemi di ridondanza.

Migrazione del database: processo e pianificazione

Un piano di migrazione del database aiuta le aziende a semplificare vari progetti di trasferimento dei dati, come gli aggiornamenti dei server, la manutenzione dei server o il trasferimento del data center.

Senza un piano adeguato per trasferire i dati tra sistemi e formati, si rischia di causare tempi di inattività prolungati, danneggiamento dei dati, perdita di dati, problemi di compatibilità e altro ancora.

Un piano di migrazione dei dati deve riguardare la selezione, la preparazione, l'estrazione, la trasformazione e il trasferimento dei dati. Di seguito sono riportati i passaggi per delineare ed espandere il piano di migrazione del database.

  1. Acquisizione della profilatura dei dati: formato, sensibilità e posizione dei dati.
  2. Definizione delle dimensioni, dell'ambito e dell'obiettivo del progetto.
  3. Eseguire il backup di tutti i dati.
  4. Valutazione della forza lavoro e dei servizi del sistema migratorio.
  5. Esecuzione del piano di migrazione dei dati.
  6. Collaudo del sistema di gestione del database finale.
  7. Mantenimento del processo.

Procedure consigliate per una migrazione di database di successo

La migrazione dei dati di origine da un database esistente a un nuovo ambiente può essere complessa. Le aziende dovrebbero seguire le best practice di migrazione dei dati per garantire il completamento con successo.

Documentare accuratamente il processo di migrazione

La migrazione dei dati è un processo complesso che richiede una documentazione adeguata per garantire il corretto completamento.

Innanzitutto, è necessario identificare quali dati verranno inclusi nella migrazione, in quale formato si trovano attualmente, dove risiedono e quale formato otterranno dopo la migrazione. In questo modo è possibile definire le regole di qualità dei dati per trattare tipi di dati specifici di conseguenza. È inoltre necessario delineare le posizioni dei dati e la sensibilità dei dati.

Durante la fase di delineazione, è necessario identificare le procedure necessarie per testare il progetto prima dell'implementazione. Ciò consentirà il rilevamento e la correzione di rischi e vulnerabilità relativi a tipi di dati specifici.

In questo caso, è meglio scegliere un metodo con cui ti senti a tuo agio, che si tratti di una lavagna o di un foglio di calcolo.

Scegli lo strumento e le metodologie di migrazione del database giusti

A seconda dell'ambito e degli obiettivi della migrazione del database, la tua azienda trarrà vantaggio da strumenti e metodi diversi. Quando si decide lo strumento di migrazione ottimale per le proprie esigenze, sono disponibili tre opzioni principali:

  • Uno strumento nativo fornito da un fornitore di database
  • Una sceneggiatura personalizzata scritta internamente
  • Uno strumento di migrazione dei dati di terze parti compatibile con diversi motori e piattaforme di database

Per quanto riguarda i metodi di migrazione, è possibile scegliere l'approccio Big Bang o Trickle, nonché le opzioni di replica online o migrazione incrementale. Ogni combinazione strumento-approccio presenta vantaggi e svantaggi, pertanto è necessario valutarli attentamente in un sistema di gestione del database di test.

Garantire il backup dei dati, il ripristino di emergenza e i piani di rollback

La preparazione di piani di backup e rollback per la migrazione dei dati è fondamentale. I backup affidabili ti assicurano di avere una copia di tutti i dati e lo schema essenziali prima di completare qualsiasi modifica, in modo da poterli ripristinare facilmente in seguito a un errore o a un errore.

Un piano di rollback delinea i passaggi e le azioni necessari da eseguire per annullare le modifiche e ripristinare lo stato precedente del nuovo database. In questo caso, testare i piani di backup e rollback è fondamentale prima di procedere con la migrazione.

Coordinamento con gli stakeholder

La migrazione del database può interessare molti processi e persone all'interno dell'azienda: utenti, sviluppatori, amministratori e applicazioni. I team responsabili devono comunicare e coordinare il processo con tutte le parti interessate prima, durante e dopo la migrazione.

Il team di migrazione deve informare le parti interessate dello scopo, dell'ambito, dei rischi, della tempistica e del potenziale impatto della migrazione. Dovrebbero inoltre stabilire un canale di comunicazione chiaro e un processo di escalation per prendere in considerazione il feedback, l'approvazione e il supporto delle parti interessate e risolvere eventuali problemi che potrebbero sorgere.

Perché investire nella modernizzazione dei database?

La modernizzazione dei database è diventata sempre più importante per le aziende per rimanere competitive in un ambiente di business dinamico e in continua evoluzione tecnologica.

La modernizzazione dei database consente alle aziende di migliorare l'agilità e l'efficienza, soddisfare le nuove esigenze aziendali, ridurre i rischi e i costi, adottare tecnologie all'avanguardia e garantire la continuità aziendale.

La modernizzazione del database offre diversi vantaggi cruciali alle organizzazioni di varie dimensioni:

  • Prestazioni migliorate
  • Maggiore sicurezza dei dati
  • Controllo dei costi
  • Flessibilità e scalabilità

La modernizzazione del database è un processo complesso e deve essere trattato di conseguenza. Per definire le regole di qualità dei dati, semplificare la migrazione e convalidare i dati dopo la migrazione, le organizzazioni devono:

  • Valutare il database esistente (precedente)
  • Definire i requisiti per il nuovo database
  • Selezionare la tecnologia per il sistema di migrazione del database
  • Procurarsi la mappatura dei dati per garantire che i dati trasferiti siano corretti
  • Scegliere un servizio di migrazione del database adatto
  • Implementa database relazionali, NoSQL, basati su grafi, distribuiti e in memoria a seconda dei loro obiettivi e del loro budget
  • Implementa database basati su cloud per garantire scalabilità, flessibilità, sicurezza e disponibilità

Soluzioni per la migrazione dei dati - Acronis Cyber Protect Home Office e Acronis Cyber Protect

La migrazione e la modernizzazione del database sono fondamentali per le organizzazioni per garantire la competitività e la continuità aziendale. Tuttavia, la migrazione del database può essere un processo impegnativo e macchinoso, anche con l'aiuto di uno strumento di terze parti.

D'altra parte, Acronis Cyber Protect (in precedenza Acronis Cyber Backup) offre una soluzione flessibile e semplicistica per gestire il backup e il ripristino dei dati per Microsoft SQL, Azure ed Exchange tramite un'unica console.

Acronis Cyber Protect Home Office è una soluzione integrata di backup e ripristino che garantisce una perdita minima di dati e tempi di inattività durante le migrazioni. Il software è progettato per adattarsi alla casa, all'ufficio o alla piccola azienda, in modo da poter personalizzare i parametri di backup e i programmi di migrazione in base ai propri obiettivi specifici.

Acronis Cyber Protect Home Office

Per l'home office

Migrazione dei dati semplificata: inizia ora!

Per saperne di piùAcquista ora

Anche se un attacco informatico o un disastro naturale ha un impatto sui sistemi di database, è possibile ripristinarli rapidamente fino al punto di guasto per riprendere prontamente le operazioni aziendali. E la parte migliore della soluzione è che riduce le spese della forza lavoro senza influire sulle prestazioni, poiché anche un principiante della tecnologia può pilotarla.

Altre notizie da Acronis